ANTONINO CANNAVACCIUOLO

Antonino Cannavacciuolo nasce a Vico Equense (Na) nel 1975. Suo padre era professore di cucina all’Istituto alberghiero dove Antonino ha studiato prima di lasciare la sua terra per intraprendere nuove avventure in Piemonte. Insieme a Cinzia Primatesta, sua futura moglie, nel 1999 inizia la gestione di Villa Crespi, una splendida villa storica sul Lago D’Orta. Presto arrivano i primi riconoscimenti, la prima Stella Michelin, i Tre Cappelli della Guida de L’Espresso e le tre forchette della Guida Gambero Rosso nel 2003, la seconda Stella Michelin nel 2006. Ne seguono molti altri, tra cui il posizionamento tra i Foodie Top 100 Restaurants Europe nel 2013. La partecipazione attiva a numerosi eventi nel corso degli anni, fanno sì che diventi uno degli chef più conosciuti ed amati d’Italia, grazie non solo all’autorevolezza ma anche alla sua forte personalità ed innegabile carisma. Nel 2013 gira per Sky la prima serie di Cucine da incubo, dove aiuta gestori di ristoranti in difficoltà a ritrovare organizzazione, complicità e passione. Pubblica il primo libro di ricette In cucina comando io (2013, Mondadori) e Pure tu vuoi fare lo chef? (2014, Mondadori). Nel 2015, arriva l’invito ad unirsi ai giudici di Masterchef. Nel 2015 apre un locale a Novara, il Cannavacciuolo Cafè & Bistrot, con l’alta qualità di tutto quello che fa Chef Cannavacciuolo ma ad una quotazione più contenuta. Nel 2016 pubblica Il piatto forte è l’emozione (Einaudi). Nel 2017 pubblica il suo quarto libro Mettici il cuore (Einaudi). Nel 2017 apre la sua prima pasticceria a Novara e un nuovo Bistrot a Torino. Nel 2018 esce il suo ultimo libro A tavola si sta insieme (Einaudi).

Rassegna Stampa

Antonino Cannavacciuolo
ilfatto_cannavacciuolot7_cannavacciuolot7_cannavacciuolo-3

Antonino Cannavacciuolo